DA UMBERTO


Clicca qui:

Masseria da UMBERTO dal 1972

Un luogo antico e unico, pieno di storia e cultura dove poter gustare ottimi piatti della tradizione, rivisitati in chiave moderna e raffinata.

L’accoglienza è ottima, si è seguiti da più persone che rendono brevissimi i tempi d’attesa, il servizio è impeccabile, tutto quello che arriva nel piatto è pulito o sporzionato davanti a voi, acqua e vino sono versati nei calici, la cantina dei vini è di ottima qualità e molto fornita, oltre ad essere molto bella.

Il pesce non è fresco, di più! È preticamente VIVO! Appena si arriva  non si può notare un magnifico banco in acciaio refrigerato, con sopra Aragoste, Granchi, Orate e Spigole pescate, Rana pescatrice, Scorfani, Gamberi e tutto quello che il mare può offrire.

Il menù ricco di pietanze, da non perdere assolutamente gli antipasti di pesce crudo e gratinato, con ottimi gamberi rossi, scampi, seppioline accompagnate da salsa verde, polipo con olive, cozze gratinate e sgombro.

Spaghetti fatti in casa con granchi e pomodorini.

E dell’ottimo pesce alla griglia scelto direttamente da voi.

Se ancora vi rimane dello spazio, gustosi dolci fatti in casa.

Tutto contornato da un atmosfera incantata, immerso nella pace di un giardino con fichi d’india e palme. E se vorrete il signor Umberto vi racconterà la storia della masseria e della sua famiglia che dal 1972 gestisce questo meraviglioso posto.

 

POMODORO DI MARE FRITTO

Ingredienti:

Anemoni rosse o Pomodori di Mare

Farina di Semola

Abbondante olio di semi di girasole

 

Procedimento:

Utilizzando dei guanti in gomma, lavate bene le anemoni in acqua corrente fredda, facendo attenzione a rimuovere i residui di scoglio, roccia o sabbia. Asciugatele bene in un torcione. In una padella o friggitrice scaldate l’olio, infarinate le anemoni e friggetele, si cuociono in pochi minuti, scolate, appoggiatele su della carta assorbente, impiattate e servite. Gustatele calde.

Per saperne di più sulle anemoni rosse di Mare, ho letto un articolo molto interessante su ideegreen.it

Actinia equina, l’anemone rosso di mare o pomodoro di mare.

TENUTA DONNA ROSA OTRANTO

CLICCA QUI TENUTA DONNA ROSA

A poche pedalate di bici dal mare immersa in un uliveto, circondata dalla macchia mediterranea e poco distante dal centro storico di otranto c’è  la “Tenuta Donna Rosa” un luogo perfetto per le famiglie e per chi si vuol godere la bellezza della natura incontaminata del mare del salento. La Tenuta è completamente circondata da mura di pietra locale come da tradizione, quindi per chi ha bambini non corrono alcun pericolo, il parcheggio non manca, c’è tantissimo spazio dove potersi muovere, un piccolo parco giochi, vengono fornite varie tipologie di bici per potersi muovere tranquillamente senza dover prendere l’automobile, Wi-Fi gratis, prima colazione dalle 07:30 alle 10:30 con prodotti freschissimi tutte le mattine, brioches artigianali, torte di mele, al cioccolato o alla crema, succhi di frutta, yogurt di vari gusti, caffè espresso, capuccino (anche con latte di soia) frutta fresca come cocomero, uva, pesche ed in base alle stagioni anche fichi d’india, more, susine e tanta altra frutta appena raccolta dal giardino della tenuta.

Le camere sono tutte con veranda attrezzata con tavolini sedie e sdraio, climatizzatore, tv lcd, bagno, stendini per i vestiti, frigo ed alcune dotate di cucinotto. I proprietarei sono sempre pronti a dare suggerimenti e vi possono aiutare ad organizzare escursioni in mountain bike, cavallo, quad, barca, canoa, trekking, immersioni. È una gestione familiare dove già dal primo momento vieni accolto in un modo straordinario, tutti molto gentili ed accoglienti pronti ad aiutarti e far sì che sia tutto come vuoi. La magia è proprio quella di farti sentire a casa fin dal primo istante, con una naturalezza che ti fa entrare immediatamente in vacanza facendoti perdere la cognizione del tempo.

Ovviamente impossibile non mangiare bene, dalle sagre come quella “Del Rustico” , ristoranti tipici, pesce fresco appena pescato, crostacei buonissimi da mangiare crudi come i gamberi rossi, cozze, vongole, cozze patelle, ricci di mare, ed ottima frutta e verdura, per non parlare del pane artigianale, frise, taralli, panini con grano germogliato o con olive, peperoni, cipolla. Uno fra i tanti ricordi che non dimenticherò mai è un buonissimo riso venere con pesto di rucola e mazzancole, servito in riva al mare da una carissima amica.

Grazie di cuore a Donna Rosa, una signora veramente eccezionale, maestra dell’ospitalità e della cortesia, che con tutta la sua famiglia rende speciali le nostre vacanze.

OTRANTO SALENTO

Ci capiti per fare un saluto a degli amici e poi non te ne vuoi più andare via!

Gente meravigliosa, ospitalità e accoglienza incredibile, mare da sogno, luoghi da favola e cibo buonissimo!  😍

Un comune di 5.600 abitanti che di estate vede moltiplicata la sua popolazione per la bellezza dei posti, per l’unicità del mare e per l’importanza che ricopre all’interno dell’economia e del turismo salentino. Il nome deriva dalla parola Hydruntum, che indica un piccolo fiume che attraversa la valle d’Idro, anche se alcune scuole di pensiero ritengono che invece possa derivare dal nome con cui si indicava un’altura che sorgeva vicino alla zona del porto, chiamata Odronto. Del territorio comunale fanno parte anche numerose frazioni, alcune delle quali sono anch’esse delle richieste mete turistiche, come Porto BadiscoFontanelleSerra AliminiFrassanitoConca Specchiulla.

 

http://www.terredotranto.it

 

SONO NOCI DI MACADAMIA

Indovinate cosa sono! Questa sera vi darò la soluzione….

Sono Noci di Macadamia, se volete saperne di più ho letto un articolo molto interessante su viversano.net di seguito vi lascio il link

Noci di macadamia: fare il pieno di grassi buoni con i frutti del noce australiano

Non tutti conoscono le noci di macadamia, particolare tipologia di semi oleosi che si raccoglie dall’albero di Macadamia o Noce del Queensland originario dell’Australia. Le popolazioni locali ne fanno uso fin dall’antichità viste le grandi proprietà nutrizionali di cui dispongono queste noci, tanto strane e particolari ai nostri occhi.

Fonte: http://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/noci-di-macadamia/

Isola del Sole Friggitoria – MareVivo Pescheria

Isola del Sole – MareVivo Prov.le Vignacastrisi-Castro, 10/12, 73030 Castro LE

Uno dei migliori Astici che abbia mangiato, quando la materia prima è di ottima qualità e la cottura è perfetta ci vuole poco a fare un piatto molto buono anche se semplicemente cotto alla griglia. Consigliato da amici ieri sera siamo andati a mangiare del pesce a Castro. Una pescheria che accanto ha una friggitoria ottima per aperitivi con crudità di mare, acquistare pesce fresco o mangiare direttamente li.

Il Locale è molto semplice appena arrivi ordini, passi alla cassa, aspetti che chiamino il tuo numero, prendi il tuo vassoio e ti siedi a mangiare in un parco a gradoni sulla scogliera vista mare mozzafiato.

Non c’è servizio ai tavoli, coperto e piatti di portata, ma tutto questo ti permette di gustare ottimo cibo ad un prezzo molto basso. Anche se ce molta gente non si aspetta troppo il personale è gentile e c’è il parcheggio li attaccato. Tantissimi piatti da provare tra cui le crudità di mare, pesce fritto, primi piatti, grigliate, ecc.

Oltre alla fortuna di aver pranzato sotto un meraviglioso albero di carruba e circondati da imponenti fichi d’india.

 

INDOVINATE COS’È!!!

Indovinate cosa sono! Questa sera vi darò la soluzione….

Quiche Lorraine

Come preparare un quiche Loraine come quelle che potrete mangiare in Francia …. eccovi la ricetta

Un foglio di pasta brisée

200 ml di panna fresca (nella ricetta originale la panna ala liquida, ma la densa va bene nello stesso modo)

200 ml di latte (meglio se freddo di frigo)

3 uova

Sale qb

Pepe qb

Un po di vino bianco da cucina

Noce moscata (meglio se grattugiata al momento e in forma generosa)

200 gr di pancetta naturale (ma se preferite un gusto piu deciso anche l’affumicata va bene

Procediamo per ordine

Accendiamo il forno a 180 gradi statico

In una ciotola di vetro mettiamo le uova, la panna , il latte, il sale, il pepe, e la cannella e mescoliamo il tutto in modo energico.

Ora accendiamo il fuoco e mettiamo una padella a scaldare, aggiungiamo la pancetta e facciamola rosolare. Non aggiungeremo alcun grasso perché il trucco é far sciogliere un po la pancetta e poi sfumare con un generoso mezzo bicchiere di vino.

Una volta che il vino ha sfumato e tolto dalla pentola i succhi della pancetta saliamo e pepiamo.

Spento il fuoco aggiungiamo la pancetta alla parte liquida creata in precedenza.

Un consiglio il succo che la pancetta ha creato non va assolutamente gettato ma aggiunto al tutto, ma é facoltativo.

Stendiamo la pasta dentro a uno moule e facciamola aderire bene ai bordi (la carta forno va lasciata incollata alla pasta vi aiuterà a toglierla più tardi.

Coprite il fondo con verdure a piacere, versiamo il tutto sulla pasta e cerchiamo di spargere il tutto in forma equa…

Mettiamo in forno non troppo basso ma nemmeno troppo alto, io di solito la metto un po piu basso della meta….

cuociamo per 40 min

Consiglio… se fa le bolle non vi preoccupate  basterà bucarle per farle scendere…..

buona degustazione

ORZO PERLATO CON FUNGHI MISTI

Ingredienti:

Un bicchiere di Orzo perlato

250 gr di Funghi Misti

Uno spicchio di aglio

Una Carota

5 Pomodorini

Prezzemolo

Sale

Un peperoncino fresco

Olio EVO

 

Procedimento:

Mettete in una pentola a pressione un bicchiere di orzo perlato e due di acqua, aggiungete un filo d’olio, le carote tagliate a dadini, lo spicchio di aglio, i funghi precedentemente lavati e puliti, sale, il peperoncino, i pomodorini lavati interi. Mettete sul fuoco, una volta che arriva in pressione fate andare a fiamma bassa per 10 minuti, spegnete il fuoco, aspettate altri 5 minuti che la pentola si possa aprire senza farla sfiatare. Aprite il coperchio amalgamate bene il tutto impiattate, mettete del prezzemolo un filo d’olio e servite.