PRIMO CELIACO, GNOCCHI ALLE VERDURE

Ingredienti:

400 gr di Patate

1 Uovo

Maizena

5 Pomodorini

1 Cipolla Rossa

1 Zucchina

1 Carota

1/2 Costa di Sedano

1/2 Peperone

1/2 Melanzana

Sale

Pepe

Olio EVO

 

Procedimento:

Lavate e mettete a bollire in abbondante acqua salata le patate intere, quando forandole con una forchetta sentite che sono morbide, vuol dire che sono cotte. Scolatele, pelatele e schiacciatele, mettetele su di un tagliere aggiungete l’uovo una spolverata di maizena e impastate bene. Spolverate il tagliere con la maizena, stendete l’impasto con le mani a rotolini e tagliate dei pezzettini da un centimetro circa. Mentre aspettate che le patate si cuociono preparato il sugo, in una padella mettete un filo d’olio evo aggiungete la cipolla, la carota  e il sedano tagliati a pezzettini, fate soffriggere e mano a mano incorporate melanzane, peperone, zucchina i pomodorini tutto precedentemente lavato e tagliato a dadini, condite con sale e pepe fate cuocere per un 15 minuti circa, mescolando di tanto in tanto. In una pentola portate ad ebollizione l’acqua, salatela e immergetevi gli gnocchi, appena vengono a galla sono cotti, scolateli, saltateli in padella e servite.

 

Consigli:

– Utilizzate patate a pasta bianca

– Se le patate sono un po’ vecchie è meglio, meno acqua hanno è più l’impasto sarà resistente

Piadina romagnola

Per prima cosa, due piccoli trucchi per una buona riuscita.

L’impasto si prepara un giorno per il successivo, ha bisogno di riposare per essere migliore .

mai lavorare troppo la pasta, perché ha bisogno di restare più rustica.

detto questo eccole la ricetta:

500 g farina

100 g strutto (raffinato il bianco o il giallo più rustico)

250 ml d’acqua ( tiepida)

5 g di sale grosso

1/2 cucchiaino di miele (meglio mille fiori)

1/2 bustina di lievito chimico.

Procedimento:

mettiamo la farina in un ciotola sufficientemente grande, aggiungiamo il sale su un lato e il lievito sul lato opposto. Aggiungiamo a l’acqua tiepida (meglio se un po’ più calda) lo strutto

facciamolo sciogliere un po’ e poi aggiungiamo il tutto alla farina, in fine il miele.

Impastare il tutto prima con un cucchiaio di legno poi alla mano…

l’imasto finale  dovrà risultare umido al tatto ma non bagnato e soprattutto si staccherà dalla ciotola e dalle mani ….

metterlo in un sacchetto di plastica alimentare e riporlo un giorno intero in frigo.

Piu o meno ogni pallina (dose per una piadina peserà 120 g o più)

la cottura la di fa a gusto personale ma un po’ cruda al centro é la sua morte …

 

CAPPELLACCI CON ZUCCHINE E SEMI DI PAPAVERO

Ingredienti:

250gr di Farina “0”

4 Uova

2 Zucchine

200 gr di macinato misto

100 gr di Parmigiano grattugiato

Noce Moscata

Sale

Pepe

Semi di Papavero

Olio extravergine di oliva

Uno spicchio d’aglio

 

Procedimento:

Stendete su di un tagliere la farina a fontana, rompete all’interno 3 uova, mettete un pizzico di sale e impastate bene, coprire con una busta di plastica e lasciate riposare mezzora circa. Preparate il ripieno, in una ciotola mettete il macinato, sale, pepe, il parmigiano, un uovo e amalgamato il tutto. Stendete la sfoglia e tagliate dei quadrati di circa 8 x 8 cm al centro metteteci una pallina di ripieno, piegate a triangolo e chiudete a Cappelletto. Mettete a bollire l’acqua salata. Nel frattempo preparate il sugo, in una padella mettete un filo d’olio le zucchine tagliate a dadini uno spicchio d’aglio sale e pepe, fate cuocere 5 minuti a fiamma medio-alta. Una volta che l’acqua bolle cuocete i cappellacci per circa 5/6 minuti, scolate la pasta e saltate nella padella con il sugo impiattate e spolverate con semi di papavero, non vi resta che servire.

 

 

LA CUCINA DELLA VILLA TORLONIA

http://www.comune.sanmauropascoli.fc.it/servizi/Menu/dinamica.aspx?idSezione=1&idArea=3&idCat=516&ID=565

Per chi ha la possibilità, la domenica dopo essere stati in spiaggia visitate la cucina della Villa Torlonia un fantastico tuffo nel passato che rievoca come erano le cucine nell’Ottocento, oltre visitare uno stupendo palazzo della nostra storia è tutto il paesaggio che gli sta attorno.

 

https://g.co/kgs/RhwG5V

 

http://www.associazionetorre.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16&Itemid=163

 

http://www.casapascoli.it/servizi/notizie/notizie_museo_fase02.aspx?ID=22286

 

 

STROZZAPRETI CON RAGÙ BIANCO

 

 

Ingredienti:

250gr di Farina

Un Albume

Acqua

300 gr di macinato misto

Una salsiccia

Una costa di sedano

Una Carota

Una Cipolla Bianca

Olio extravergine d’oliva

Sale

Pepe

Un rametto di Rosmarino

Noce Moscata

3 Bacche di ginepro e di chiodi di Garofano

Vino Bianco

Brodo vegetale

 

Procedimento:

Dopo averli lavati, tagliate a dadini la cipolla, il sedano e la carota, metteteli in un tegame con un filo d’olio a rosolare. Aggiungete il macinato e la salsiccia spellata, facendo cuocere muovendoli spesso in modo da tenere il composto sgranato. Sfumate con il vino bianco aggiungete una grattata di noce moscata, chiodi di garofano, le bacche di ginepro il rametto di rosmarino, del brodo vegetale e mettete la fiamma al minimo coprite con un coperchio e fate cuocere per circa 45 minuti una volta pronto aggiustate con sale e pepe. Nel frattempo disponete su di un tagliere la farina a fontana, mettete al centro l’albume, un goccino d’acqua, un pizzico di sale ed iniziate ad impastare fino a che non otterrete un impasto omogeneo e abbastanza morbido da poterlo stendere con il mattarello. Coprite con della pellicola o un sacchetto di plastica e lasciate riposare per 15-20 minuti. Prendete l’impasto e stendetelo con il mattarello non troppo sottile, piegatelo e tagliate delle tagliatelle che passando fra i palmi delle mani dovrete arrotolare e spezzare a forma di vermicelli. Fate bollire l’acqua salata, immergete gli strozzapreti, una volta che vengono a galla scolateli e saltate in padella con il ragù bianco. Non vi resta che impiattare e servire.

 

ORATA IN UMIDO

Ingredienti:

Un Orata

Cozze

Vongole

10 Pomodorini

2 Spicchi di Aglio

Ceci Freschi

Olive

Capperi

Acciughe

Olio extravergine

Timo Fresco

Vino Bianco

Sale

Pepe

 

 

Procedimento:

In un tegame mettete un filo di olio extravergine con un paio di spicchi d’aglio, appena iniziano a friggere aggiungete capperi dissalati un paio di acciughe le olive, sfumate con del vino bianco e mettete i pomodorini tagliati in quattro, fate cuocere circa 5 minuti. A questo punto aggiungete l’orata (pulita, squamata e lavata) le vongole, le cozze, il timo, un pizzico di sale e pepe, chiudete con un coperchio, fate cuocere a fiamma medio bassa per circa 10 minuti ( il tempo di cottura varia in base alla pezzatura del pesce). Una volta cotto mettete in un piatto, se volete le cozze e vongole sgusciatele, accompagnate da ceci freschi un filo d’olio extravergine e servite.

Vengono chiamati in più modi; fagiolini un metro, fagiolini del metro, fagiolini asparago, fagiolini serpente. Sono buonissimi e molto saporiti, nei prossimi giorni vi do un po’ di modi per cucinarli. Non si trovano spesso in vendita, se li trovate provateli sono eccellenti!

 

 

CHI SA COSA SONO? LI AVETE MAI MANGIATI?

Oggi è più facile di ieri!!!  😉 Questa sera vi do la soluzione, vediamo chi indovina.

primo al pesto di Zucchine e Santoreggia

Ingredienti:

1 zucchina

mezzo spicchio d’aglio

40 gr. di mandorle

60 grammi di pistacchi sgusciati

10 gr. circa di santoreggia

20 gr. circa di basilico rosso

olio EVO

olio di semi di girasole

sale

 

Procedimento:

Preparare il pesto con un frullatore ad immersione mettendo tutti gli ingredienti nel contenitore partendo dalla frutta secca e dal sale e finendo con la zucchina, le foglie delle erbe aromatiche e l’olio per frullare con più facilità.

Condire la pasta saltandola leggermente con poca acqua di cottura.

Servire con un filo di olio evo volendo decorando il piatto con un germoglio di basilico rosso al centro.

Buon Appetito.

 

SGOMBRO PENDOLINI E CIPOLLA

Ingredienti:

2 Sgombri

300 ml di aceto di vino bianco

200 gr di Pomodori Ciliegini

2 Cipolle Bianche

Basilico e Origano Freschi

Olio extravergine d’oliva

Sale

Pepe

 

Procedimento:

Pulite e lavate gli sgombri, mettete a bollire in un tegame un litro circa di acqua, 200 ml di aceto di vino bianco un pizzico di sale. Appena bolle immergete gi sgombri chiudete con un coperchio, abbassate al minimo la fiamma e fate sobbollire per circa 3/4 minuti, spegnete e lasciate riposare per circa dieci minuti, il tempo di cottura varia in base alla dimensione del pesce. Nel frattempo pelate, tagliate a listarelle e mettete a bagno in acqua fredda le cipolle. Mettete a bollire mezzo litro d’acqua con 100 ml di aceto con un pizzico di sale appena bolle immergete le cipolle spegnete il fuoco, scolate e raffreddatele con acqua fredda. Dopo averli lavati, tagliate in quattro i pomodorini, metteteli in una ciotola, aggiungete la cipolla, il basilico e l’organo spezzettati, condite con sale, pepe e olio extravergine. Pulite e spinate i filetti di sgombro, disponeteli in un piatto, copriteli con i pomodorini, decorate a piacere e servite.

CHI SA COSA SONO? LI AVETE MAI MANGIATI?

Oggi è più facile di ieri!!! 😉 Questa sera vi do la soluzione, vediamo chi indovina.